lunedì 14 gennaio 2008

la porcata


Da estense.com:

(...)È toccato poi a Ivo Silvestri entrare in aula. Il “testimone” di “Chi l’ha visto?” ha negato tutto quello che aveva riferito in due precedenti telefonate (nel febbraio 2006 e nel luglio 2007) alla trasmissione di Rai3: “quella mattina ero in casa – ha assicurato -; ho chiamato la tv perché volevo parlare con “Chi l’ha visto?”, ma erano tutte palle”. Una ritrattazione della quale non si è convinta l’accusa, tanto che il pm Nicola Proto ha chiesto di acquisire la registrazione di quelle telefonate, richiesta che ha ricevuto l’opposizione della difesa. A questo punto il giudice Francesco Maria Caruso si è ritirato per decidere. Dopo circa mezz’ora il “responso”. “la prova si forma nel dibattimento e di queste registrazioni andrebbe richiesta copia autentica oppure una testimonianza giurata di chi l’ha acquisita”. Richiesta rigettata, dunque, anche se “qualora indagini separate e autonome – ha aggiunto Caruso – potessero far emergere nuovi elementi, mi riservo una diversa valutazione, ove si tratti di fatti influenti nel giudizio in corso”.(...)

Ore 19 e qualcosa, pausa in aula mentre il giudice Caruso si ritira per decidere sull'ammissibilità delle registrazioni.
Nei corridoi, vicino al sottoscritto il giornalista de "La Nuova Ferrara" Daniele Predieri, il PM Proto, l'avvocato di parte civile Anselmo. Si avvicina l'avvocato della difesa Trombini, che rivolto al PM, dice che "questo processo è un ginepraio e una porcata". Un ginepraio proceduralmente, per le complicazioni tecniche sulle quali non ho strumenti per commentare. Ma soprattutto una porcata perché il sottoscritto (non nominato esplicitamente) avrebbe imbastito un improprio processo mediatico (con quale sentenza, avvocato?), di fatto costruendo una falsa "testimonianza" oltretutto inutilizzabile in aula.
La porcata sarebbe cioè il comportamento tenuto dal sottoscritto nei modi e nei tempi con cui ha acquisito la "testimonianza" di Silvestri (che in aula ha dichiarato il falso su questo), e di aver poi semplicemente consegnato al magistrato incaricato delle indagini la registrazione affinché lui, unica figura legittimata a ciò, ne verificasse l'attendibilità.
Addirittura Predieri, con il suo giornale mai stato troppo tenero con "Chi l'ha visto?", si è sentito in dovere - non tanto per difendere il sottoscritto, ma il diritto all'informazione e il rispetto civico della legge- di chiedere cosa avrebbe fatto lui al posto mio, se avesse avuto in mano una possibile testimonianza diretta di un omicidio...

Resta il fatto che in aula, unica sede della formazione come prova di qualunque testimonianza, l'uomo ha smentito il racconto fatto nella telefonata. Punto.

Per quanto riguarda la registrazione, come dice l'articolo sopra citato, non finisce qui.
Ma è opportuno che io ne parli solo se, dove e quando verrò chiamato a deporre.
Dunque, su questa vicenda, sospendo qui qualunque ulteriore comunicazione pubblica.
Torno a ballare sul soffitto...

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Il giudice Caruso ha deliberato, sul punto, che "... la prova si forma nel dibattimento e di queste registrazioni andrebbe richiesta copia autentica oppure una testimonianza giurata di chi l’ha acquisita".
Tu sei nell'elenco ufficiale dei soggetti chiamati a testimoniare e, prima di deporre, pronuncerai formula di giuramento: credo che il giudice abbia voluto soltanto evitare polemiche, ben sapendo che quelle registrazioni saranno acquisite.
L'avv. Trombini, che ci ha già servito su un piatto d'argento numerosi assi cadutigli dalle maniche incontinenti, farebbe bene a farsi prestare il chewing-gum di Forlani durante le pause.
Giorgio Antonaci.

Anonimo ha detto...

"La prova si forma nel dibattimento"..............vedrai e vedremo caro Dean quante prove schiaccianti si formeranno.
Non vedo l'ora di sentire i 4 moschettieri quando cadranno sulla famosa buccia di banana.
Per il "vecchio" di cui alla telefonata non spreco parola, sarebbe come sparare sulla croce rossa.
Piena solidarietà a te, alla tua Persona e professionalità.
Rolando

Gigio Aldrovandi ha detto...

Ciao Dean... anche io Ti esprimo tutta la mia solidarietà... e soprattutto vorrei dirTi che tutto quello che hai fatto per "Chi l'ha visto ?" (e quindi per Fede e per tutti quelli che cercano Verità e Giustizia) è qualcosa di SENSAZIONALE.... ti stupirai di queste mie parole... perchè è ovvio che tu hai fatto "solo" il tuo dovere... ma se in questa Italia alla deriva, TUTTI facessero il proprio dovere con coscienza e professionalità, probabilmente avremmo molti problemi in meno... Sogno Dean ??? beh... sognare non costa nulla...

sei un PROFESSIONISTA con le contro-palle... veramente...

Grazie per quello che fai e per come lo fai..

Grazie mille...

Gigio Aldrovandi

Anonimo ha detto...

Io il culattone lo querelerei