lunedì 24 maggio 2010

Apichatpong


A Cannes 2010 vince (inaspettatamente, dicono gli aspettatori) Apichatpong Weerasethakul, regista thailandese, con il suo nuovo film "Uncle Boonmee".

Weerasethakul è un regista visionario, delicatamente fantasmatico e di ironico surrealismo.
A Cannes 2004, dove presentò "Tropical Malady", io e la collega&amica Cristiana Paternò di Cinecittà News, lo intervistammo:
qui si può ancora vedere e sentire l'intervista!

giovedì 20 maggio 2010

Coagulazioni (pane e sangue secchi)

E se n'è andato anche Sanguineti
e ci son rimasti loro
a sugarci il sangue ogn'ora
Draquila, L'aquila, Vaquila, Ubiquila, Ubuquila Re.
Alla macelleria messicana sono rimasti solo gli scarti
i tagli più belli li han messi da parte per loro,
con vista sul Colosseo, sul colon suo,
i tagli le botte più belle
per fare documentari, da guardarci tra di noi,
i macellati, i salsicciati, i masticati, i sanguisugati.
Messi da parte, messe da porci,
questurini promossi, preti spostati,
fan tutti carriera, fan tutti caciara
sono buoni tutti
col culo degli altri.

E tu mi canti della seconda guerra mondiale,
un'emorragia di sole e di sangue di maiale,
e i ragazzi di Salò sorridono
basta stuprar ebree ora ci son le beduine,
le spose di Allah, le figlie di Maometto,
in Padania, in Allegria, Allahgria, cria grida strepita figlia mia,
figlia della macelleria,
scarto insanguinato, su cui hanno sputato
i promossi, gli spostati,
quelli col filetto da parte
e dall'altra sempre i manganelli
quelli che hanno sempre ragione, governo, giustizia,
quelli che hanno tutto
anche il culo degli altri.


A Claudio

Pane in concerto, "Emorragia di sole"

lunedì 17 maggio 2010

all we are is dust in the wind

Per chi del vulcano islandese ha solo sentito parlare, per chi è rimasto a terra da un volo, per chi ama ogni tanto sperdersi lo sguardo e la mente guardando un paesaggio inusuale, ecco un video indimenticabile.



Consiglio di vederlo in HD a pieno schermo qui.
Ah, è girato con una Canon 5DMarkII. Ma avrebbe potuto essere girato pure con la mia 7D!

martedì 11 maggio 2010

almeno lì

A Stefano Gugliotta è andata meglio che a Federico Aldrovandi.
Via Pinturicchio a Roma non è Via Ippodromo a Ferrara.
Almeno lì qualcuno si è affacciato, ha gridato "basta"
con lui, per lui,
qualcuno ha filmato...
forse ha salvato la vita a quel ragazzo.

Di quell'altro, qualcuno che è rimasto a spionare dietro le persiane
ha detto persino "avran fatto bene, si vede che si meritava una lezione".
Perché se la legge, lo stato, picchia, deve avere una qualche buona ragione
e alla fine è colpa tua.
Che sei troppo negro, ubriaco, vestito da centro sociale,
forse sei così spavaldo e incosciente da rilanciargli addosso il loro estintore,
forse indossi la maglietta del colore sbagliato e non il casco,
o solamente ti trovi lì per sbaglio,
nel posto sbagliato, al momento sbagliato, nel paese sbagliato...