giovedì 24 gennaio 2008

rutto libero


Il governo Prodi è caduto. Non posso nascondere un sospiro di sollievo, o anche altro...
E ora? Tanto peggio, tanto meglio.

Possiamo smettere di vergognarci di averlo votato, possiamo disfarci dell'alibi "sempre meno peggio di Berlusconi", possiamo toglierci dai coglioni tutti i post-democristiani ladri infidi ipocriti e magheggioni che ci siamo dovuti spacciare come "alleati" in nome di un minimo comune denominatore (la dignità democratica, antifascista, costituzionalista), ma neanche tanto: possiamo tornare a pretendere la pace, la fine delle missioni militari per esportare la democrazia, la giustizia sociale, una più equa redistribuzione delle risorse economiche, energetiche, possiamo esigere senza cedere di un millimetro il rispetto dell'indipendenza della magistratura, della dignità dell'individuo e in particolare di chi ha meno vantaggi, eccetera eccetera eccetera. O possiamo essere definitivamente essere sommersi dal mare di merda mafiosa, collusa, affarista, prevaricatrice, fascista, xenofoba, violenta, arrogante, eccetera delle Destre. Tutte, da Mastella/Dini/Veltroni a De Gennaro, Ratzinger, Bossi/Fini e affini. Ma almeno non ci dovremo più vergognare di aver permesso che aumentassero gli incidenti sul lavoro, che crescesse il carovita a spese dei meno abbienti, che crescesse l'insicurezza del lavoro, che dilagasse l'inciucio sulla spartizione delle carcasse della Rai, dell'Alitalia, e in generale della cosa pubblica, che rimanessero al loro posto i CPT, che diventasse una montagna la monnezza che nessuno vuole e che tutti producono. Degno simbolo di questa fase.
Di vacche magre, sacre, raccomandate, da mungere...

Previsione: Napolitano dà mandato a Prodi per un governo tecnico di larghe intese, centrista, papista, veltrusconista, che vari una legge elettorale che ci faccia morire democristiani.

1 commento:

ISHTAR ha detto...

Io non sono poi così tanto contenta della crisi del governo, certo non posso dire che il clima di incertezze e precarietà oltre al caro vita... siano delle cose belle. Ma dopo, cosa cambia, mi pare che alternative di reale svolta non ci siano, io tendo estremamente a sinistra, ma di sicuro non voterei per il partito democratico, forse sembra un pò meglio quello dell'arcobaleno, ma poi molti voteranno lo psico nano che sicuramente farà gli interessi di qualcuno, ma questo qualcuno non siamo noi!
Quindi punto a capo e vediamo cosa accadrà!