giovedì 7 dicembre 2006

Pif!


Persone informate sui fatti, p.i.f. per le procure. Sono i testimoni, le persone che hanno assistito ad un crimine orribile, ad una uccisione e non riescono a far finta di niente.
Che trovano il coraggio in una forza morale che non ti viene dall'età, dal colore della pelle, dal dio in cui credi (e che permetterebbe certe atrocità) o non credi.
E che parlano, e raccontano a un giudice, a chi cerca la giustizia in questa vita.

Come Anne Marie, la donna camerunense testimone del pestaggio mortale di Federico Aldrovandi da parte di quattro poliziotti.

E come il ragazzino di Barrafranca, testimone delle violenze sessuali e del rapimento di Francesco Ferreri da parte dei suoi assassini, a cui Beppe Grillo ha dedicato questo post. D'obbligo segnalare anche il bell'articolo del Corriere della Sera citato da Grillo qui.

E ancora una volta la testimonianza di una persona "diversa" per colore o per età, mi fa vergognare di certi miei concittadini "normali", che pregano e non vogliono pagare le tasse, che stanno già pensando ai regali di Natale (cioè a quanto spendere per dimostrare a qualcun altro il loro affetto) e che per i pedofili vorrebbero la castrazione chimica e osannano il papa che stabilì la regola per cui i preti pedofili vengono semplicemente cambiati di parrocchia... quelli che non vogliono problemi dentro il recinto della loro famiglia, ma che sono loro il problema di se stessi e di questo paese. Buone feste, brava gente!

4 commenti:

Giorgio ha detto...

Ciao Dean, ci incontriamo, di tanto in tanto, da Aldro, un argomento che ci accomuna tutti in un vortice di affetto e di amarezza, di rabbia e di desiderio di verità, di giustizia e di libertà...
Già, libertà, una parola semplice con un contenuto complesso, che potrebbe aiutarti a restare nella laicità, senza scadere nel laicismo del Dio che permetterebbe certe atrocità, del papa osannato perché si limita a cambiare di parrocchia i preti pedofili, invece di?... (la pedofilia è reato comune, non specifico del prete, perseguibile dalla magistratura immediatamente, senza rinvii alla scadenza del mandato come in altri nobilissimi àmbiti... ).
La libertà è proprio ciò che ci rende responsabili, nel bene e nel male, delle nostre azioni: un po' tutti noi siamo, purtroppo, pronti a incensarci quando tutto va e a prendercela con qualcuno quando va meno.
La pedofilia la vedo come una malattia, del corpo e/o dello spirito: entrambi si possono, e forse si devono, curare, non rimuovere, come per i responsabili di altri reati.
E il papa può tentare di curare lo spirito, appunto, ma il corpo resta di competenza di altre autorità preposte.
Giorgio.

Dean ha detto...

Giorgio, ora non ho tempo di risponderti, perché devo organizzarmi per partire per Ferrara: domani c'è un appuntamento importante, e devo essere lì con le mie telecamere...
ma il tuo commento merita una risposta articolata.
Che però sarebbe tempo perso: sei talmente fanatico da venire "in casa mia" a dirmi come dovrei pensarla...basta questo a qualificarti.

C'è in giro un piccolo libro edito da poco da Laterza: s'intitola "Etica senza Dio", l'ha scritto un professore di filosofia, tale Lecaldano. Ti consiglio di leggerlo, per ricordare come dell'idea di Dio, la mia cultura fa a meno da almeno un paio di secoli e mezzo...

nicola ha detto...

il mondo è un artificio, è una matrix in cui noi ci muoviamo e nella quale le nostre azioni ricadono esclusivamente su noi stessi, azioni per le quali ci verrà presentato il conto solo quando ne saremo fuori

queste mie conclusioni non derivano dalla dottrina ma dalla passione scientifica che mi ha sempre spinto a cercare di scoprire cos'è e come funiona la materia

più ci si avvicina alla soluzione e più si ci si convince che questa soluzione non sia alla nostra portata

rinunciare all'idea di un creatore quando nessuno è in grado di spiegare il creato è l'atteggiamento meno scientifico che si possa immaginare

giorgio comunque ci fa e comunque

non accanirti contro dio chè se non esiste avrai sprecato il tuo tempo

Anonimo ha detto...

un post in + per non dimenticare federico e quello che e' successo
http://www.hellboy.splinder.com/
debora