lunedì 5 maggio 2008

verona, illinois


Volo a Verona, nella città dello sceriffo Tosi.
E terrò ben presente il mitico John Belushi, anche se non potrò guidare una Bluesmobile...

4 commenti:

Anonimo ha detto...

uCarissimo e' morto Nicola, un altro figlio se n'e' andato, con il cuore gonfio di pianto urlo la mia disperazione.
Se vedi lo sceriffo" Tosi primo cittadino di verona" volevo dire una cosa ma non lo faccio x rispetto.
Dean carissimo non posso arrivare a Verona, ma il mio cuore e' la'.
Cosa vogliono, cosa desiderano che accada?
stefania

ISHTAR ha detto...

Caspita non ne mancano mai!
Che rabbia che tristezza...
Buon lavoro! :-(

Anonimo ha detto...

Se solo fossero state applicate tempestivamente le leggi che in Italia ci difendono dal fascismo e dal razzismo. Al primo assalto, alla prima aggressione, al primo simbolo di eversiva memoria, al primo saluto romano.
Se solo la parola sicurezza fosse interpretata come battaglia per una cultura della tolleranza e del rispetto delle diversità.
Se la parola sicurezza fosse invocata per tutti i cittadini e per la stessa democrazia.
Se solo la parola antifascismo invece di essere messa ad equa distanza dalla parola fascismo, fosse interpretata come l’azione continua dei cittadini democratici contro ogni forma di razzismo e intolleranza. Se continuassimo a considerarlo un valore fondante

Nicola e Renato sarebbero ancora qui con noi.
Interrogarci su cosa è oggi o che cosa può essere oggi l'antifascismo. (Noi ne siamo convinte: l’antifascismo oggi)
E' i diritti, è l'uguaglianza, è la partecipazione, è la pace.


Comitato madri

Scusami Dean se mi permetto di postare un ns pensiero da te, e'solo una parte di una lettera aperta che invieremo oggi

stefania

Anonimo ha detto...

Per il 17 sarai ancora a Verona noi Donne abbiamo aderito?
Grazie Dean un abbraccio
stefania